ThinkThank Interni StrikeNow!

Azioni

Dichiarazione di Fosco Loiti Celant
sull’azione al Fuori salone dell'Università statale di Milano del 14.04.2010

Ricerca libera, saperi condivisi

Il nostro futuro non vi compete

Il 14 aprile 2010 ho promosso un'azione di pubblica votazione sulle installazioni presenti alla mostra Interni Think Tank nei chiostri dell'Università statale, uno degli eventi più attesi delle giornate del Salone del mobile.

Come in altre occasioni, la mia intenzione è stata quella di attirare l'attenzione su un importante problema sociale, in questo caso la strisciante privatizzazione a cui è sottoposto il sistema universitario italiano negli ultimi vent'anni. Di fronte allo smantellamento del welfare tradizionale e al crescente ridimensionamento del finanziamento pubblico, gli atenei stanno infatti da tempo sperimentando (seguendo le linee guida del cosiddetto "Processo di Bologna") da un lato il ricorso al finanziamento privato, dall'altro l'aumento vertiginoso delle tasse studentesche. Insieme all'ingresso delle imprese private nell'università (che porta con sé una mentalità orientata all'interesse, alla competizione e al profitto), abbiamo quindi un'insostenibile pressione economica sugli studenti e le loro famiglie. La combinazione di questi due fattori sta producendo uno dei più massicci attacchi al diritto allo studio che si sia mai visto in Italia.

Partendo dall'esempio dell'iniziativa di Interni (una rivista del gruppo Mondadori) e della retorica sullo “sviluppo sostenibile” che caratterizza questa edizione del salone, ho voluto indicare la logica predatoria e sfruttatrice del cosiddetto “capitalismo cognitivo”, che funziona sul saccheggio delle pratiche sociali e della creatività giovanile, e che in cambio dei profitti conseguiti dalle aziende restituisce agli studenti solo disagio, precarietà e subordinazione. Ho sintetizzato questo atteggiamento nello slogan “Ricerchiamo le tue competenze, scegliamo il tuo futuro”, che riassume i metodi e gli obbiettivi dell'aziendalismo mediale (e non solo mediale). La libertà di ricerca, la condivisione dei saperi, il carattere pubblico e gratuito dell'istruzione, non possono essere separati dall'autodeterminazione dei soggetti protagonisti dei processi di conoscenza e delle pratiche sociali. Partire dai propri desideri per arrivare a recuperare le relazioni tra i singoli è un elemento fondamentale dei processi cognitivi, e si deve basare sull’utilizzo della conoscenza e dei processi comunicativi di cui tutti deteniamo i mezzi di produzione.

Come soggettività, sono consapevole che la mia esistenza e il mio lavoro dipendono dalla ricchezza delle relazioni che mi definiscono e dall'autogestione che queste relazioni mi consentono.

Io sono un artista qualunque, un essere umano qualunque, una singolarità qualunque. L’azione del 14 aprile è un altro passo verso il riaccendersi del conflitto sociale.

Fosco Loiti Celant

Scarica il Flyer

Approfondimenti

Biografia

Fosco Loiti Celant è nato a Bologna il 9 febbraio 1976. Vive e lavora a Milano, Pontedera, Roma, Pesaro e Parigi. La sua produzione artistica è strettamente legata al conflitto sociale. Espone principalmente negli squatt, nelle orgie, negli scontri, nei treni, nei villaggi occupati.

Contatti